BUON VINO

 
 

click here

BUON VIAGGIO

 
 

Click here

EVENTI

 
 

click here


Oggi è sempre più facile, in qualsiasi angolo d’Italia, trovare un buon ristorante, dove la cucina creativa, firmata da chef emergenti, si sposa con la filosofia del Km0, abbinata ad un buon punteggio di una delle migliaia di guide o siti gastronomici più o meno di moda.

Non è assolutamente facile invece scovare un ristorante o meglio una trattoria, dove la tradizione delle “cose buone” sopravvive e si sposa con la ricchezza delle materie prime, creando un vero e proprio tesoro enogastronomico.

Al centro di Bosisio Parini, delizioso paese sul lago di Pusiano, paese natio del celebre Giusppe Parini dove lavoravano attive filande, ricavata da una osteria centenaria, la Trattoria il Quinto Quarto è un luogo di cultura Pantegruelica, per chi piace “mangiare”, nel vero senso della parola, accostando qualità a sostanza.

L'aspirazione di Francois Rabelais, creatore di Gargantua e Pantagruel, era che il lettore conformi la sua vita a quella di Pantagruel, e riconosca in lui il tipo umano più completo. Essere un buon pantagruelista, vuol dire “vivere in pace, in gioia e salute e darvi sempre bel tempo”.

Entrando nel cortile del Quinto Quarto il tempo in effetti si dissolve e prende posto la realtà fatta di bottiglie di grandi vini, di bontà enogastronomiche e di una simpatia e professionalità, che ti fa sentire a casa tua nel momento delle feste.

Ritornano alla mente le migliori letture della gioventù,  racconta Rabelais: “Poi convennero ch'era il caso di far merenda proprio là. E in men che non si dica fu tutto una va-e-vieni di bottiglie, un trottar di prosciutti, un volar di salsicce, un risuonar di bicchieri e di boccali.  Furono quindi portati numerosi, giocondi e ben stagionati prosciutti, belle, grosse e gioconde lingue di bue affumicate, salumi vari e bei salamini alla cacciato